Mucca pazza

Il morbo prevedibile.

di Marco Gottardo

 

IL KURU

Kuru Ŕ il nome di una malattia riscontrata negli aborigeni della Nuova Guinea, ora in gran parte debellata, che ha molte somiglianze con la Malattia di Creutzfeldt-Jakob una cui variante potrebbe essere (e si sottolinea "potrebbe") la BSE meglio nota in Italia come Morbo della mucca pazza.

Agli inizi degli anni '50, negli USA, la comunitÓ medico-scientifica era seriamente preoccupata per un'altra malattia celebrale incurabile, il  kuru, che aveva raggiunto proporzioni epidemiche fra la popolazione dei Fore (nome della tri¨) che viveva nelle regioni montuose della Nuova Guinea. 

Alcuni antropologi dell'UniversitÓ di Adelaide chiarirono una catena di eventi sino a rintracciare l'origine del kuru nel rituale consumo di corpi di membri deceduti della trib¨.

Posizione geografica dell'isola: Sopra l'Australia.

(in rosso Ŕ indicata la posizione della trib¨ studiata).

presenza della malattia nei tessuti del cervello (placche nere)

 Il kuru fu estirpato dalle autoritÓ della Nuova Guinea nel 1959, intervenendo sull'aspetto antropologico, ovvero rendendo illegale il cannibalismo.

Nella foto alcuni membri della popolazione presa sotto esame.



Il medico Vincent Zigas nel 1955 decide di studiare l'anomalo incremento di patologie neurologiche che colpiscono alcune trib¨ di indigeni della Nuova Guinea, i quali vivono allo stato primitivo.

Prende in esame la trib¨ dei Fore della Papuasia, vittime di una malattia particolare che gli indigeni chiamano kuru, parola che nella lingua locale significa "brivido". Questa malattia porta inevitabilmente alla morte del malato, ed Ŕ caratterizzata dalla perdita dell'equilibrio, movimenti oculari innaturali e tremori vari. Zigas, studiato il fenomeno, mette in allarme le autoritÓ australiane.


Nel 1957 Zigas si reca nella zona maggiormente colpita, accompagnato dal microbiologo e pediatra statunitense Carleton Gajdusek, allo scopo di stilare una statistica del fenomeno kuru. Con il tempo i due studiosi ritengono che la malattia sia legata all'usanza cannibalistica di mangiare, durante alcuni riti sacri, il cervello dei cadaveri. Zigas preleva alcuni campioni di sangue e di cervello dalle vittime morte di kuru e li spedisce perchÚ siano analizzati: non vengono trovate tracce di virus.

Dopo il primo anno di studio i due pubblicano i loro risultati: il 60% delle donne adulte ed un terzo dei bambini a cui viene dato da mangiare il cervello dei defunti contrae la malattia. Gli uomini adulti, che in quanto cacciatori mangiano solo i muscoli dei defunti, vengono risparmiati dal kuru.

Dopo questo studio, dal 1957 viene proibito il rito del cannibalismo: negli anni successivi l'incidenza del kuru crolla a livelli esponenziali. In tempi recenti (2001) i rari casi riscontrati sono da imputare a contagi risalenti a prima del divieto.

Per quanto riguarda le origini del kuru, i due studiosi hanno ipotizzato si trattasse di un caso sporadico della Malattia di Creutzfeldt-Jakob, in seguito mutato in loco.

Il morbo di Kuru Ŕ menzionato anche nell'interessante saggio Armi, acciaio e malattie di Jared Diamond e nel libro Aids. Il virus inventato di Peter Duesberg.

Una nuova variante della malattia (di solito chiamata solo variante della Malattia di Creutzfeldt-Jakob (vCJD) ma qualche volta anche nuova variante della Malattia di Creutzfeldt-Jakob (il nvCJD)) Ŕ distinta dal tipo classico dal suo primo assalto (di solito nell'etÓ di venti anni) ed un predominio di sintomi psichiatrici e sensori. Si pensa che i prioni in questa forma siano emessi consumando la carne di bovini (a rischio cervello, midollo spinale e carne macinata ed hamburger per la possibile presenza di parti provenienti dai suddetti organi) con la malattia definita mucca pazza, (encefalopatia spongiforme bovina o BSE), anche se non c'Ŕ ancora nessuna prova certa di questa associazione

 

Sintomi comuni tra le due patologie kuru e BSE.

Negli studi sul kuru compiuti da Gajdusek, si elencano tre stadi sintomatologici principali:

  1. Lo stadio ambulante, con incertezza di postura, andatura, voce, mani ed occhi; deterioramento del parlato; brividi, perdita della coordinazione nelle estremitÓ inferiori che procede lentamente verso l'alto, e disartria.
  2. Lo stadio sedentario: il paziente non pu˛ pi¨ camminare senza supporto, si intensificano i tremori e l'atassia, compaiono tic muscolari da shock, labilitÓ emotiva, scoppi di risa, depressione e rallentamento dei processi cognitivi. E' importante notare che in questa fase la degenerazione muscolare non Ŕ ancora comparsa, e i riflessi tendinei sono di solito normali.
  3. Lo stadio terminale, caratterizzato da incapacitÓ di mantenere la posizione seduta senza supporto; atassia pi¨ severa, tremori e disartria pi¨ accentuati, incontinenza urinaria e fecale; difficoltÓ nell'inghiottire (disfagia), e comparsa di profonde ulcerazioni. Causa di questa condizione Ŕ la disfunzione a livello del cervelletto.

Questi sintomi sono comuni nelle malattie da prioni, come il morbo di Creutzfeldt-Jakob (CJD).

 

collegamenti logici.

Se come sembrerebbe si trattasse in effetti di una variante della stessa malattia la causa andrebbe ricercata nel medesimo modo, ma come fare se si dovesse escludere il cannibalismo?  Alcuni casi sembrerebbero essersi verificati a causa di cure sperimentali del nanismo che prevedevano l'iniezione di ormoni naturali della crescita prelevati direttamente dal cervello di cadaveri.  In soggetti che non hanno subito particolare trattamenti come pu˛ essere stata trasmessa  l'infezione?

Se l'infezione si sviluppa mangiando carne bovina, e quelle particolare parti che abbiano a che fare con il midollo spinale (bistecca fiorentina con l'osso) o direttamente il cervello, come fa l'infezione ad essere presente negli animali?

SarÓ mica che in qualche maniera ad essere cannibali sono proprio gli animali che poi consumiamo nelle nostre tavole?

Ebbene si, molti animali venivano alimentati con farine proteiche ti origine animale spesso prodotte con pezzi di scarto quali teste quindi cervelli, midollo spinale contenuto nelle ossa, ecc.

Le farine proteiche di origine animale per l'alimentazione bovina negli allevamenti sono oggi bandite dalla comunitÓ internazionale. 

di Marco Gottardo.         (fonti internet e vikipedia)

Go to chinese version.

  Pagina precedente